Nella mattinata del 1° maggio le sigle della distribuzione intermedia e finale del farmaco, delle farmacie e delle parafarmacie, hanno siglato un protocollo d’intesa con il Commissario Straordinario all’Emergenza Covid-19, per risolvere le criticità emerse a seguito dell’Ordinanza n. 11/2020. che fissava il prezzo unitario di vendita delle mascherine chirurgiche a 0,50 euro al netto dell’IVA.
A darne comunicazione una nota di Assofarm, tra le sigle firmatarie.

Ristoro e liquidazione per i lotti di mascherine acquistati

Nella trattativa si è tenuto conto dei contributi e delle istanze pervenute dal nostro sistema associativo e, finalmente, dopo oltre 60 ore di incessante lavoro, abbiamo definito il protocollo che, attualmente, è in fase di sottoscrizione da parte delle diverse componenti. La nota riporta gli elementi salienti dell’accordo.

Mascherine oggetto dell’indennizzo: I lotti di mascherine, oggetto delle azioni di ristoro, dovranno essere forniti di documentazione tecnica relativa, in particolare con riferimento alla certificazione CE, ai test report relativi e alla conformità ai regolamenti UNI EN 14683, Le mascherine monouso aventi analoghe capacità protettive, lecitamente presenti in commercio e destinate alla vendita sul territorio, sono generalmente parificate a quelle indicate nell’allegato 1 dell’Ordinanza n. 11/2020.

Giacenza: potranno far parte dell’azione di ristoro gli acquisti effettuati dal 1° aprile 2020, e giacenti a magazzino alla data della mezzanotte del giorno 26 aprile 2020. Faranno parte del ristoro anche eventuali giacenze riguardanti le mascherine ordinate da lunedì 20 aprile e introdotte in magazzino fino alle ore 23,59 del 3 maggio 2020.

Ristoro e liquidazione: Il Commissario corrisponderà il differenziale tra i costi sostenuti dalle farmacie per approvvigionarsi di mascherine chirurgiche monouso, fino alle ore 23.59 del 26 aprile 2020, e il prezzo di € 0,40 per singola unità, a decorrere dalla mezzanotte del 26 aprile 2020 e fino all’esaurimento delle scorte. Non potranno far parte del ristoro le mascherine messe a disposizione del personale operante nelle farmacie e quelle sprovviste della certificazione CE.

Assofarm precisa che per la liquidazione dei corrispettivi a favore delle farmacie associate ad Assofarm, all’esaurimento delle scorte, l’Azienda/farmacia comunale emette apposita fattura ad Assofarm, per il tramite di Assofarm Servizi SRL, di valore pari al differenziale come sopra indicato (costo sostenuto-0,40 euro). Tale fattura è corredata: 1) dalla documentazione tecnica relativa alle quantità di riferimento, in particolare con riguardo alla certificazione CE, ai test report relativi e alla conformità ai regolamenti UNI EN 14683 e documentazione relativa a produzioni e importazione di mascherine chirurgiche effettuate in deroga al D.L. n. 18 del 17/3/2020 art. 15; 2) dall’estratto del gestionale di magazzino riferito alle mascherine chirurgiche oggetto di ristoro, dalla dichiarazione resa dal legale rappresentante dell’Azienda/Farmacia Comunale asseverata dal soggetto incaricato alla Revisione contabile.

Rimani in contatto con noi
Potrai ricevere informazioni e aggiornamenti sui servizi Farmaiuto, sulle aree coperte, sulle opportunità di lavoro, sulle offerte promozionali a te dedicate e rimanere sempre aggiornato sulle news della tua professione.

Assofarm, tramite Assofarm Servizi, provvede all’emissione di un’unica fattura, di importo pari alla somma dei corrispettivi delle fatture ricevute nei confronti del Commissario straordinario. Quest’ultimo provvederà, entro massimo 60 giorni, a liquidare la fattura ad Assofarm Servizi che, a sua volta, procederà alla liquidazione alle farmacie associate.

Forniture dopo il 4 maggio

Distributori: Il Commissario straordinario si impegna, per quanto possibile, ad integrare le forniture di farmacie e parafarmacie, con cadenza settimanale, per il tramite dei relativi distributori i quali riceveranno le forniture presso i propri magazzini.
Forniture dopo il 4 maggio: dal prossimo lunedì e compatibilmente con le possibilità offerte dal processo di distribuzione, il Commissario integrerà le forniture delle farmacie tramite i distributori. Questi ultimi le acquisteranno al prezzo definito di 0,38 euro netto IVA e le cederanno alle farmacie al prezzo di euro 0,40 al netto di IVA, fermo restando il prezzo di vendita al pubblico di Euro 0.50 più IVA. I pagamenti saranno effettuati entro i 60 giorni dalla consegna.

In vista del notevole impegno burocratico e amministrativo, Assofarm invita gli associati a tener conto delle successive comunicazioni con i dettagli operativi.

Fonte: http://www.farmacista33.it/prezzo-mascherine-filiera-del-farmaco-sigla-accordo-con-arcuri-ecco-come-ottenere-il-ristoro/politica-e-sanita/news–53013.html

Data: 6 maggio 2020