Un ulteriore tassello per sconfiggere questo infimo nemico è stato messo al suo posto!

Un gruppo di ricercatori cinesi ha pubblicato su Nature un’importante analisi circa la presenza di immunoglobuline a seguito dell’infezione da Coronavirus.

Ciò che è risultato sembra logico agli addetti ai lavori ma pone le basi per strutturare un sistema di screening efficace e su larga scala. E’ stato scoperto infatti che a 19 giorni dai primi sintomi il 100% dei pazienti risulta positivo alle IgG e IgM. Inoltre il titolo di questi due anticorpi, a discapito di molte conoscenze accademiche sale simultaneamente e raggiunge un plateau dopo 6 giorni dalla sieroconversione.

Rimani in contatto con noi
Potrai ricevere informazioni e aggiornamenti sui servizi Farmaiuto, sulle aree coperte, sulle opportunità di lavoro, sulle offerte promozionali a te dedicate e rimanere sempre aggiornato sulle news della tua professione.

Questa scoperta chiarisce l’importanza di mettere a punto test sierologici precisi ed affidabili per discriminare sospetti pazienti asintomatici o pazienti COVID positivi con risultato di tampone RT-PCR negativo.

Infatti ciò che risulta chiaro è che l’infezione suscita produzione di immunoglobuline in maniera significativa ed a prescindere dalla presenza di sintomi gravi.

Il successivo step sarà dimostrare che le Ig conferiscano immunità ad una successiva reinfezione. Se ciò verrà verificato la soluzione a questa terribile pandemia sarà a portata di mano e la corsa alla creazione del vaccino avrà una base scientifica solida su cui aggrapparsi.

Alessandro Buraschi©

Fonti: https://www.nature.com/articles/s41591-020-0897-1

Data: 6 maggio 2020